Orinoco

05.07.2018

Rivedo
l'alba sprimacciata
e ancora non so
se sarà mia o di altri,
ah la puttana!
E rivedo Granarolo,
un pugno di casolari
stretti d'assedio dai forti,
cinto erniario.
I tetti di ardesia
lavagne spartiti
incisi da gragnole
di disarmonie invernali,
digrignanti.
Di lassù il fragore
della città è infoibato.
I fumi radi,
il carbonio solo 114.
La funicolare sferraglia
sferruzza l'ascesa.
Echi antichi tambureggiano
il tamtam degli accaduti.
La memoria resetta
luoghi e date,
stelle filanti cadenti,
e secerne un sugo un umore
di spruzzi sprazzi casuali.
Il tempo corsaro li rancida
e allora si lucidano
come il  vasellame.
Il bar dei cacciatori
per me guerrieri,
i cani maculati da ferma,
le odoranze
coi tartufi umidi,
io bambinello.
L'EIAR prossima
alla nostra dimora,
sul declivio del colle,
e per gli impianti
dai rubinetti sgorgava
la musica e amici
vicini e lontani,
L'asilo degli orfanelli
in bella mostra
all'ingresso il cannone,
il loro padre?
I grembiulini per la visita
delle benefattrici,
le signore della provvidenza
che salgono al Natale
a salvarsi l'animaccia
linda con il re sole.
Una marchetta e nulla più.
Flock,
il pastore maremmano lanoso,
e la pecora
al mio fianco nella foto stinta.
E con la Cicci
giochiamo al dottore:
cos'è quel buco?
E nella tua passera
ci metto l'erba ad otturare,
a riparare
i danni della natura.
Il campo incolto rugoso
e il fontanone muschioso
con la mia proiezione:
un lucertolone,
un varano komodo.
Per la certezza di aver visto
l'animale setoloso
- lo giuro lo giuro -
devo dare assenso e credito
ai visionari del TSO,
la Maria.
Ah le care immaginazioni
dell'infanzia
frullate in testa e dislocate,
sostituite in progress
dai mostri successivi
della vita incancellabili.
Era la terra promessa,
la mia età dell'oro,
la stagione asettica
dei sequestri avvenenti
da retaggi e ambizioni.
E bastardi tutti
- loro i saggi i savi -
non me lo hanno detto
per cucinare rimestare
e canonizzare
il mio cocente rimpianto.
(Lubrificazione e Recherche pubblicate 2018
"I testi speciali: Le Occasioni" questa no.)